24Feb2024
Comunità Volontari per il Mondo Un ponte tra le persone ed i popoli

Contatti

Porto San Giorgio, Via delle Regioni , 6

+39 0734 674832

about-us_03-03
CVM Felpaa

Sviluppo socio-economico e creazione di impiego
per giovani e donne

Felpaa

Formazione, Eccellenze e Lavoro nel Pellame in Addis Abeba

Il Progetto mira a migliorare le opportunità occupazionali di 4.000 returnees, rafforzare il sistema della formazione professionale nel settore della lavorazione della pelle ed incrementare le capacità imprenditoriali e di accesso al credito di Micro-Piccole e Medie imprese che operano nel settore in Addis Abeba.

Da giugno 2021

CVM sta realizzando, in Addis Abeba, un progetto finanziato da USAID in partenariato con The Freedom Fund dal titolo “Ethiopia Safer Migration program”. Durante un periodo di 25 mesi il progetto si propone di:

  • promuovere il dialogo nazionale sulla migrazione sicura e l’applicazione delle proclamation 923/2016 e 1178/2020,
  • formare rappresentanti delle associazioni D/W e della rete nazionale D/W per fare advocacy sulle pratiche di migrazione sicura,
  • orientare e monitorare PEAs per una migrazione più sicura anche tramite la produzione e distribuzione di un vademecum specifico,
  • migliorare la capacità di 10 TVET nella formazione professionale di potenziali migranti,
  • formare agenti di polizia e giudici di Woreda sulla politica di migrazione sicura e procedure di applicazione
obiettivo generale

 Contribuire a migliorare le condizioni di vita per giovani e donne potenziali migranti in Etiopia.

obiettivo Specifico

Creare opportunità di lavoro e di impresa nel settore della lavorazione del pellame nella città di Addis Abeba

Dall’Aprile 2019 all’Aprile 2021 ha curato la realizzazione del progetto UNIDO Leather Clusters Empowerment in Addis Ababa – ULCE (AID 11112/02/1) Finanziato da AICS. Nell’ambito di questo progetto ha raggiunto i seguenti risultati:

  • 684 posti di lavoro creati all’interno del Cluster EIFCCOS e 76 per il Cluster LOMI (tempo pieno, part-time, stagionali, giornalieri)
  • 326 posti di lavoro incrementati per donne nel Cluster EIFCCOS e 58 per il Cluster LOMI (tempo pieno, part-time, stagionali, giornalieri)
  • Un incremento del 14% delle vendite sul mercato locale EIFCCOS
  • Un incremento del 17% nell’utilizzo di materiali per la produzione di EIFCCOS e del 50% per LOMI
  • Un incremento del 52% della vendita del Cluster LOMI
  • 79 MSMEs del Cluster EIFCCOS formate nelle competenze gestionali
  • 277 lavoratori (152 donne e 90 giovani) formati nella produzione di calzature di qualità

Dall’Aprile 2018 fino a Novembre 2021 ha curato la realizzazione della parte in Etiopia del progetto “Securing Woman Migration Cycle – SWMC” (AID 011645) finanziato da AICS.

Nell’ambito di questo progetto, in partenariato con la Chiesa Cattolica in Etiopia (ECC-SADCO) ha raggiunto i seguenti risultati:

  • Attivazione e gestione di uno shelter per l’accompagnamento, il supporto psicologico, la reintegrazione familiare di donne migranti rimpatriate;
  • Accompagnato la riunificazione familiare di 826 donne rimpatriate da Libano, Arabia Saudita ed altri Paesi dell’area;
  • Formato 243 returnees nella gestione di attività di micro-imprenditoria, accompagnandole nello sviluppo di business plans e sostenendole con uno start-up capital a fondo perduto. Di queste il 65% ha già registrato utili;
  • Prodotto un vademecum per facilitare il percorso di re-integrazione delle returnees;
  • Attivato una conferenza nazionale per la sicurezza del percorso migratorio
  • Creato una rete nazionale di associazioni di lavoratrici domestiche, returnees e migranti potenziali che conta 8.000 iscritte;
  • Organizzato percorsi formativi per migranti potenziali, operatori di Employment Agencies Internazionali, e funzionari governativi per promuovere la corretta applicazione delle leggi nazionali in materia (923/2016 “Ethiopia’s Overseas Employment Proclamation”, 1178/2020 “Prevention and Suppression of Trafficking in Persons and Smuggling of Persons”)
  • Sensibilizzazione di 9.000 persone sui canali e modalità di migrazione regolari.

Alcune delle attività avviate con il progetto SWMC proseguiranno con il sostegno economico della CEI (Comitato per gli Aiuti al Terzo Mondo) ed un progetto dell’Unione Europea di cui è capofila la Confederazione Sindacale Etiope CETU.